Liquidazione automatica (art. 36 bis DPR 600/73)

21 settembre 2014
NEWS


  
L'esame della dichiarazione dei redditi avente per oggetto la liquidazione delle imposte dovute o dei rimborsi spettanti.
Non è un controllo di merito
Si tratta di un controllo avente per oggetto:
- errori materiali o di calcolo
- errori nel riporto delle eccedenze
- riduzione di detrazioni
- riduzione di deduzioni
- riduzione di crediti d’imposta
- tempestività di versamenti e ritenute
L’esito della liquidazione automatica rispetto a quanto indicato nella dichiarazione è comunicato al contribuente attraverso l’avviso bonario i cui termini di pagamento scadono dopo 30 giorni e le sanzioni sono ridotte del 30%
C’è comunque la possibilità di fornire chiarimenti da parte del contribuente circa eventuali dati, elementi non considerati o valutati erroneamente nella liquidazione dei tributi da parte dell’Agenzia delle Entrate.
Le somme richieste tramite liquidazione automatica posso essere rateizzate:
- max sei rate trimestrali;
- max venti rate trimestrali se superiori a € 5.000,00;
- max venti rate trimestrali se superiori a € 50.000,00 prestando garanzie (polizza fideiussoria, fideiussione bancaria, fideiussione rilasciata dai confidi)
 
Se non viene effettuato il pagamento, la somma richiesta verrà iscritta a ruolo con successivo invio della cartella di pagamento che viene notificata:
- entro il 31/12 del terzo anno successivo alla presentazione della dichiarazione
- entro il 31/12 del secondo anno successivo a quello di scadenza della rata non pagata (in caso di rateazione)
 
Dr. Antonio Carta
 
Realizzato con SitoInternetGratis :: Fai una donazione :: Amministrazione :: Responsabilità e segnalazione violazioni :: Pubblicità :: Privacy